Logo

Redazionali

 

RICERCA RODOTTI

>> Categoria d'uso


>> Scegli tutti o solo Bio


>> Linea Prodotto


>> Componente





CEREALMAX

N 20    23% GELAMIN®

ILSADRIP FORTE

N 9    100% GELAMIN®

CLASS Fe G-FORM

N+Fe 2 (5,5)    23% GELAMIN®

GRANOPLUS

NP 10.25    20% AGROGEL®

CALCIOCIANAMIDE POLVERE

ILSAMIN CaMg

N+CaO+MgO 9(9-2)    34% GELAMIN®

FERTORGANICO

N 11    100% AGROGEL®

ELENNE MICRO OLIVO

NPK 11.5.5+B+SO3     CONTIENE AGROGEL®

SUPERCOMPLESS

NPK 6.12.17    CONTIENE AGROGEL®

ILSAVIS+

PRODOTTO AD AZIONE SPECIFICA BIOSTIMOLANTE

ILSACTIVE START

NP 5.15          14% GELAMIN®

SILIFORCE

ILSACROP

N 20          23% GELAMIN®

TEKNIFERT MICRO

NPK 11.6.9    20% AGROGEL®

SUPERCOMPLESS

NPK 5.10.15   CONTIENE AGROGEL®

FERTIL

N 12.5    100% AGROGEL®

ILSALIFE

AMMENDANTE COMPOSTATO AD ALTO CONTENUTO DI AZOTO ORGANICO

MP 30

N 30    50% AGROGEL®

NONSOLOGRANO

NP 6.23   CONTIENE AGROGEL®

GRANOSANO EVO

NP 6.16   CONTIENE AGROGEL®

ILSAMIN BORO

N+B 4(5)    45% GELAMIN®

ETIXAMIN

N 14    100% GELAMIN®

ILSACTIVE FINALE

NK 5.0.15    CONTIENE GELAMIN®

ILSASTIM+

PRODOTTO AD AZIONE SPECIFICA BIOSTIMOLANTE

GLUCOS P

NP 4.8    ORIGINE VEGETALE

SFEROSOL

ENNEPI EVO

 NP 8.20    22% AGROGEL®

GRADUAL 25 Fe

N+Fe 6(5)    CONTIENE AGROGEL®

ILSAVEGA

N 5    ORIGINE VEGETALE

FERTORGANICO SUPERNOVA

N 11    99% AGROGEL®

Uva Spina

Ribes rosso

Uva Spina

Uva spina invicta

Loti

Ribes rosso

Fico

Fico Dottato

Ribes rosso

Ribes Nero

Lampone

Nocciolo

Orzo

Classe: Monocotyledones
Famiglia: Graminaceae (Gramineae o Poaceae)
Specie: Hordeum vulgare L.

 

Origini:

  • L’area di origine delle forme antiche può essere individuata nell’area compresa nelle attuali Israele, Giordania, Siria e nella parte sud dell’Anatolia. Le testimonianze più antiche di coltivazione risalgono al 10.500 a.C., nel Neolitico[3]. Sicuramente tipi polistici erano coltivati in Mesopotamia nel 7.000 a.C. mentre nel 5000 a.C. l’orzo era diffuso in Europa centrale e in Egitto, dove già nel 3000 a.C. avveniva la trasformazione in birra. Fino al XV secolo era tra i cerali più diffusi per la panificazione. L'orzo rappresenta il quarto cereale nel mondo in ordine di importanza, viene variamente utilizzato dall'alimentazione umana a quella zootecnica, alla produzione di malto e, raccolto ancora verde, come foraggio.

Descrizione:

  • Il suo ciclo vitale è più breve di quello del grano, perché la velocità di crescita è più rapida e maggiore è la capacità di accestimento; tollera anche alte temperature e resiste meglio degli altri alla siccità. Regge invece il freddo meno bene di frumento e segale. L'orzo è una pianta erbacea annuale, che a maturità può raggiungere un'altezza di 60-120 cm, a seconda delle varietà. L’apparato radicale in terreni idonei può raggiungere, nella pianta, adulta la profondità di 2 metri. Il culmo è suddiviso in 5-8 internodi cavi. Durante l’accestimento da ogni culmo si originano, mediamente, 2-3 culmi secondari, numero che può aumentare se si innalza la spaziatura alla semina, Solitamente le varietà distiche accestiscono più di quelle polistiche. L'infiorescenza è una spiga composta ai cui nodi (in numero variabile da 10 a 30) sono inseriti tre spighette uniflore. Tali spighette racchiudono al loro interno i fiori. Nelle forme esastiche i tre fiori sono tutti fertili, quindi le spighe presenteranno tre file di cariossidi, mentre nei distici è fertile solo il fiore centrale per cui le spighe avranno solo due file di cariossidi. Caratteristiche di questa specie sono le lunghe setole (dette reste o ariste).

Esigenze ambientali:

  • L’orzo presenta una buona resistenza alla siccità e può sopportare temperature di elevate, se l’umidità ambientale non è eccessiva. Più problematiche sono le condizioni caldo-umide che favoriscono varie malattie fungine. Per quanto riguarda l’altitudine può essere coltivato dal livello del mare fino ai 4500 m delle Ande o dell’’Himalaya. Resiste molto bene alla salinità del suolo, tollera il freddo anche se in misura minore rispetto ad altri cereali quali il frumento e la segale.

Coltivazione:

  • Viene coltivato soprattutto in Cina, USA ed Europa; in Italia è diffuso particolarmente nelle aree del centro-sud.
    Le più importanti sottospecie coltivate si possono ripartire, a seconda della disposizione delle granelle, alle 3 categorie di orzo esastico, tetrastico e distico, ossia formate rispettivamente da 6, 4 e due file di chicchi sulle spighe.
    Gli orzi polistici presentano generalmente un numero più elevato di cariossidi per spiga e rese più elevate, negli orzi distici le spighe hanno un numero inferiore di cariossidi che sono però di maggiori dimensioni. Gli orzi polistici sono coltivati prevalentemente per uso zootecnico, mentre quelli distici sono adatti alla produzione di malto per la fabbricazione di birra e di whisky.

Semina:

La data di semina varia in relazione alle caratteristiche pedoclimatiche del luogo; è però opportuno distinguere in:

  • semine autunnali: effettuate nel Nord Italia verso metà ottobre e al Sud, generalmente, dalla prima decade di novembre alla prima decade di dicembre
  • semine primaverili, effettuate appena si hanno condizioni climatiche idonee, per evitare che la coltura si trovi nella fase di maturazione con temperature troppo elevate.

La semina autunnale consente rese superiori (anche di un 30 – 50%), in quanto la coltura può sfruttare un maggior periodo per la maturazione, si avvantaggia delle precipitazioni del periodo autunno-invernale e soffre meno per la siccità primaverile. La semina primaverile è da considerarsi un ripiego

Concimazione:

  • L’orzo richiede 70 – 110 kg/ha di Azoto (a seconda della varietà e della fertilità del terreno, 70 – 100 kg a ettaro di fosforo  e 60 –120 kg a ettaro di Potassio; Gli apporti di Azoto devono integrare in ogni momento le disponibilità naturali, adeguandole al fabbisogno col­turale in ogni fase dello sviluppo.
  • Con concimi a base di AGROGEL® è possibile distribuire l’Azoto precocemente in un’unica soluzione: le condizioni ambientali che regolano lo sviluppo della coltura regolano anche i meccanismi di cessione dell’Azoto, eliminando rischi di dilavamenti e perdite economiche.
  • La concimazione azotata con AGROGEL®, aumenta le produzioni e rende la granella più proteica.

 

Clicca sull'immagine per vedere quanti ettari sono coltivati in Italia

 

  • Prodotti
  • Tab_3 Dossier
  • Tab_6 Rassegna stampa prodotto

Preparazione del terreno

  • SFEROSOL (100-150kg/ha)

Pre-semina

  • ENNEPI EVO (200-400kg/ha)
  • FERTIL (400-600kg/ha)
  • FERTIL SUPERNOVA (400-600kg/ha)
  • FERTORGANICO MICRO (25-50Kg/pianta)
  • GRANOPLUS (200-400kg/ha)
  • GRANOSANO EVO (500-700kg/ha)
  • NONSOLOGRANO (200-400kg/ha)

Dalla pre-semina all'accestimento

  • FERTORGANICO SUPERNOVA (400Kg/ha)

Dalla semina all'accestimento

  • AZOTIL (200-400kg/ha)

Il contenuto è abilitato ai soli utenti registrati dopo aver fatto il login

Pubblicazioni

  • IlsaC-On, attivatore metabolico

ILSA S.p.A.
Via Quinta Strada, 28
36071 - Arzignano (VI) Italy
Sede legale: Via Roveggia, 31 - 37136 Verona
Ph. +39 0444 452020
Fax +39 0444 456864
C.F./P.iva/Reg.Imp.VR 00871990230
Capitale sociale € 270.000