Papaya

Nome Botanico: Carica Papaya

Famiglia: Caricaceae 


Breve descrizione:

E' un alberello, poco ramificato ma molto decorativo; Durante la stagione primaverile assume una colorazione biancastra. Presenta frutti bacciformi, carnosi, lungo fino a 45 cm dalla buccia color ambra o arancione a piena maturazione.

Area di origine: America Centrale e Meridionale.


Accorgimenti e cure:

  • Esposizione e luminosità: in pieno sole.
  • Temperatura: la temperatura non deve mai scendere sotto i 0°C.
  • Irrigazione: costante per tutto l'anno.

Avversità:

Piccoli consigli: è facilmente suscettibile ad attacchi di funghi agenti di marciumi radicali. Evitare assolutamente i ristagni idrici.


Curiosità:

Medicina: la papaya, e in particolar modo gli enzimi in essa contenuti, oltre ad avere un'azione cheratolitica, possiede proprietà esfolianti e antimicrobiche sull'epidermide, facilitando l'eliminazione del tessuto necrotico. E' un frutto ricchissimo di vitamina C e possiede innegabili proprietà digestive; inoltre, contiene antiossidanti come i flavonoidi e il selenio. Un'altra proprietà di questo ricchissimo frutto è di stimolare il metabolismo favorendo anche il dimagrimento.


Concimazioni:

Per produzioni di 50 tonnellate per ettaro di papaya è stimato che il fabbisogno di nutrienti per ettaro e per anno sia: Azoto 100 kg/ha, Fosforo 40 kg/ha, Potassio 60 kg/ha.

Trae beneficio particolare da apporti di sostanza organica sia come ammendante che come concime organico.

Durante il ciclo colturale, intervenire al suolo con i concimi organici ed organo-minerali a base di AGROGEL®, gelatina idrolizzata per uso agricolo, ad alto contenuto di azoto e carbonio organici. L’azoto non è soggetto a perdite per lisciviazione e volatilizzazione, per cui questi concimi rispettano l’ambiente e riducono gli sprechi economici. La complessazione degli altri meso e microelementi alla matrice proteica consente una cessione progressiva e modulata, completamente naturale, che prolunga la disponibilità per le piante anche di fosforo, potassio, ferro, zolfo, calcio limitando i fenomeni di immobilizzazione nel suolo. Con i concimi a base di AGROGEL®, viene soddisfatto tutto il fabbisogno nutrizionale della coltura, aumenta la resa produttiva e la qualità della produzione finale.


Per via fogliare ed in fertirrigazione, intervenire con i concimi a base di GELAMIN® e biostimolanti di origine vegetale del programma VIRIDEM®. Matrici esclusive ottenute con processi esclusivi, l’idrolisi enzimatica e l’estrazione in CO2 Supercritica, che consentono di avere alti contenuti di azoto organico e di amminoacidi in forma prevalentemente levogira e di estrarre efficacemente le molecole ad azione biostimolante, come triacontanolo, vitamine, composti fenolici ed altre molecole bioattive. Gli amminoacidi, l’azoto e gli altri elementi assorbiti rapidamente, insieme ai composti ad azione biostimolante, favoriscono un’azione nutritiva, anti-stress e migliorano i parametri qualitativi della produzione. La stabilità delle matrici, la bassa salinità e il pH consentono la miscibilità con altri prodotti, anche fitofarmaci, per cui l’applicazione può essere effettuata in occasione dei trattamenti antiparassitari.