Fava

Nome Botanico: Vicia Faba

Famiglia: Leguminose


Breve descrizione:

pianta erbacea, presenta fusti di forma quadrangolare e foglie piccole che danno alla pianta un aspetto cespuglioso. Dai fiori bianchi si sviluppano baccelli che contengono semi commestibili.

Periodo di fioritura: fiorisce durante la primavera.

Area di origine: area mediterranea mediorientale.


Accorgimenti e cure:

  • Esposizione e luminosità: predilige sia il sole diretto che la mezz’ombra.
  • Temperatura: gradisce il caldo e non tollera il freddo.
  • Irrigazioni: teme irrigazioni troppo abbondanti che abbinate alle alte temperature possono portare a malattie dell'apparato radicale.

Curiosità:

Cucina: i semi maturi possono essere consumati crudi o preparati come i fagioli rampicanti.

 

Concimazione:

la concimazione più importante è quella fosfatica, più efficace con l’impiego di concimi ILSAFERT a base di Fosforo e Azoto.

In pre-semina o pre-trapianto, intervenire al suolo con i concimi organici ed organo-minerali a base di AGROGEL®, gelatina idrolizzata per uso agricolo, ad alto contenuto di azoto e carbonio organici. L’azoto non è soggetto a perdite per lisciviazione e volatilizzazione, per cui questi concimi rispettano l’ambiente e riducono gli sprechi economici. La complessazione degli altri meso e microelementi alla matrice proteica consente una cessione progressiva e modulata, completamente naturale, che prolunga la disponibilità per le piante anche di fosforo, potassio, ferro, zolfo, limitando i fenomeni di immobilizzazione nel suolo. Questi concimi migliorano la fertilità e la struttura del terreno, aumentano la resa e la qualità del raccolto.


Per via fogliare ed in fertirrigazione, intervenire con i concimi a base di GELAMIN®, gelatina idrolizzata fluida per uso agricolo, ottenuta con un processo esclusivo, l’idrolisi enzimatica, che consente di avere un alto contenuto di azoto organico e di amminoacidi in forma levogira. Questi concimi vengono rapidamente assorbiti e svolgono una doppia funzione, nutritiva e biostimolante, favorendo un ottimale sviluppo vegetativo, un’azione anti-stress e aumentando la qualità finale del raccolto. La stabilità della matrice, la bassa salinità e il pH consentono la miscibilità con altri prodotti, anche fitofarmaci, per cui l’applicazione può essere effettuata in occasione dei diserbi o dei trattamenti antiparassitari.

Clicca sull'immagine per vedere quanti ettari sono coltivati in Italia

 

Ti Potrebbe interessare