Carrubo

Nome Botanico: Ceratonia Siliqua

Famiglia: Leguminose


Breve descrizione:

il carrubo è una pianta molto longeva. Il tronco è scanalato, con grosse muscolature, che fanno del carrubo un albero molto robusto e grosso. I possenti tronchi si ramificano in una chioma ampia, sempre verde e rigogliosa. Trattasi di una pianta sempre verde, con una chioma vistosa, che si presenta come una densa massa verde scura e luccicante al sole, così da conferire a questo albero un aspetto quanto mai suggestivo.

Area di origine: Asia Minore e Siria. 


Accorgimenti e cure:

  • Esposizione e luminosità: la pianta va esposta ai raggi diretti del sole
  • Temperatura: pianta da coltivare in climi miti.
  • Irrigazione: l'annaffiatura occorre solo alle piante giovani a causa della buona resistenza alla siccità della pianta.

Curiosità:

  • Cucina: i frutti prodotti dal carrubo sono utilizzati a scopo alimentare. Le diverse varietà di carruba contengono elevate quantità di zucchero (saccarosio e glucosio). Il saccarosio può essere estratto dalle polpe con particolari tecnologie e si presenta di ottima qualità se ricristallizzato. Le parti più importanti del frutto sono la polpa ed i semi. Dalla polpa si possono ottenere diversi prodotti, utili e necessari in molte applicazioni. Uno di questi è uno sfarinato al 10% di umidità, che essiccato è pronto all'impiego immediato nella fabbricazione dei mangimi composti.
  • Medicina: per quanto riguarda le sue proprietà dietetiche, con particolare riferimento al suo potere assorbente intestinale, questo prodotto è indicato con grande vantaggio in ogni regime speciale destinato al recupero di soggetti reduci da malattie infettive o da gravi disturbi del tratto digerente.
 

Concimazione:

Alla ripresa vegetativa, intervenire al suolo con i concimi organici ed organo-minerali a base di AGROGEL®, gelatina idrolizzata per uso agricolo, ad alto contenuto di azoto e carbonio organici. L’azoto non è soggetto a perdite per lisciviazione e volatilizzazione, per cui questi concimi rispettano l’ambiente e riducono gli sprechi economici. La complessazione degli altri meso e microelementi alla matrice proteica consente una cessione progressiva e modulata, completamente naturale, che prolunga la disponibilità per le piante anche di fosforo, potassio, ferro, zolfo, limitando i fenomeni di immobilizzazione nel suolo. Questi concimi migliorano la fertilità e la struttura del terreno, aumentano la resa e la qualità del raccolto.


Per via fogliare ed in fertirrigazione, intervenire con i concimi a base di GELAMIN®, gelatina idrolizzata fluida per uso agricolo, ottenuta con un processo esclusivo, l’idrolisi enzimatica, che consente di avere un alto contenuto di azoto organico e di amminoacidi in forma levogira. Questi concimi vengono rapidamente assorbiti e svolgono una doppia funzione, nutritiva e biostimolante, favorendo un ottimale sviluppo vegetativo, un’azione anti-stress e aumentando la qualità finale del raccolto. La stabilità della matrice, la bassa salinità e il pH consentono la miscibilità con altri prodotti, anche fitofarmaci, per cui l’applicazione può essere effettuata in occasione dei diserbi o dei trattamenti antiparassitari.

 

Clicca sull'immagine per vedere quanti ettari sono coltivati in Italia

 

 

Ti Potrebbe interessare