PROFESSIONAL NPK

NPK 8.6.14   

20% AGROGEL®

PROFESSIONAL NPK è un concime organo minerale NPK con un rapporto tra gli elementi nutritivi adeguato alle esigenze del prato.

Ciascun granulo contiene uniformemente AZOTO proteico, FOSFORO e POTASSIO.

 

  • La lenta cessione naturale stimola la crescita omogenea e limita le perdite di lisciviazione.

  • La formulazione microgranulare garantisce omogeneità di distribuzione.

 

L'impiego di PROFESSIONAL NPK mantiene l'equilibrio tra le specie presenti.

COMPOSIZIONE
  • Azoto (N) Totale 8 %
    • Di cui: Azoto (N) Organico 2 %
    • Azoto (N) Ammoniacale 4 %
    • Azoto (N) Ureico 2 %
  • Anidride Fosforica (P2O5) totale 6 %
  • Ossido di Potassio (K2O) solubile in acqua 14 %
  • Ossido di Magnesio (MgO) totale 2 %
  • Anidride Solforica (SO3) solubile in acqua (mg/kg) 20 %
  • Boro (B) solubile in acqua (%p/p) 0,01 %
  • Ferro (Fe) totale 0,5 %
  • Zinco (Zn) totale 0,01 %
  • Carbonio (C) Organico 7,5 %
Dosi e modalità d'impiego
    • Campi Sportivi
      Vedi epoca 
      Marzo 8 kg/100 mq,
      Maggio 6 kg/100mq,
      Settembre 8 Kg/100mq,
      Novembre 12 kg/100mq
    • Colture Floreali e Ornamentali
      Vedi epoca 
      Marzo 5 kg/100 mq,
      Maggio 8 kg/100 mq,
      Settembre 10 kg/100 mq,
      Ottobre 15 kg/100 mq
    • Tappeti Erbosi Estivi
      Vedi epoca 
      Marzo 4 kg/100 mq,
      Maggio 3 kg/100mq,
      Settembre 4 kg/100 mq
      Novembre 8 kg/100 mq
    • Verde Pubblico
      Vedi epoca 
      Marzo 10 kg/100 mq,
      Maggio 15 kg/100 mq,
      Settembre 15 kg/100 mq,
      Ottobre 20 kg/100 mq

I dosaggi sono da ritenersi puramente indicativi e possono variare in funzione delle condizioni pedoclimatiche e delle rese medie attese.

 
LEGENDA ICONE
Il Marchio di Qualità conferito da Assofertilizzanti in accordo con l’ICQRF (Ispettorato Centrale della tutela della Qualità e Repressione Frodi dei prodotti agroalimentari) certifica la rispondenza dei fertilizzanti all’etichetta posta sulla confezione e alle normative di legge, eseguendo prelievi a campione sui prodotti commercializzati.
La presenza di cloro nel terreno può avere aspetti indesiderati per lo sviluppo di alcuni apparati radicali. Quantità eccessive di cloro nel terreno possono comportare problemi di salinità, oltrechè risultare nocive per la microflora che vive nelle soluzioni circolanti del terreno. Il marchio Basso Tenore di Cloro certifica che il concime ha un titolo in cloro al di sotto del limite massimo ammesso del 2% e non rappresenta pericolo per le colture.