Redazionali

Biostimolanti ILSA: quasi 350 euro in più di produzione lorda vendibile per ettaro nel pomodoro da industria

I biostimolanti naturali Ilsa hanno favorito l’incremento della resa finale del 9% e dei gradi °Brix a più 4% corrispondenti a 349 euro in più per ettaro per il produttore

01/09/2020

Le imprese di trasformazione riconoscono ai produttori di pomodoro da industria, prezzi unitari più alti in funzione del contenuto zuccherino (°Brix), della sostanza secca del raccolto e dell’incidenza dello scarto. In prove agronomiche realizzate a Piacenza nel 2019, i tecnici ILSA hanno rilevato che i biostimolanti aziendali hanno permesso di ottenere sia un aumento delle rese che dei gradi Brix su coltivazioni di pomodoro da industria della varietà H1015.

Durante il ciclo colturale sono stati eseguiti i trattamenti in applicazione fogliare adottando il seguente protocollo:


Epoca Tesi ILSA Testimone Modalità d'impiego
Post-trapianto al 13/06/2019 IlsaPolicos: 10 kg/ha Concimazione standard Fertirrigazione
Al 05/07/2019 IlsaPolicos: 10 kg/ha Concimazione standard Fertirrigazione
Al 05/07/2019 IlsaVegetus: 2 kg/ha - Applicazione Fogliare
Al 17/07/2019 IlsaVegetus: 2 kg/ha - Applicazione Fogliare
Da invaiatura al 22/09/2019 IlsaKolorado: 3 kg/ha - Applicazione Fogliare
Al 31/09/2019 IlsaKolorado: 3 kg/ha - Applicazione Fogliare

Gli altri trattamenti di concimazione e di difesa fitosanitaria sono stati analoghi per tutte le tesi, come da prassi aziendale.

Risultati visivi e biometrici

Dai rilievi visivi e biometrici si deduce che nella tesi ILSA, rispetto al testimone, sono stati ottenuti risultati eccellenti, in particolare:

  • Miglior accrescimento vegetativo delle piante trattate rispetto a quelle non trattate (Figura 1 e 2)
  • Incremento della resa finale +9%
  • Aumento del grado zuccherino + 4%
  • Aumento della PLV – Produzione Lorda Vendibile, di 349 euro/ha rispetto al testimone (Figura 3 e 4)


Figura 1: sviluppo vegetativo delle piante; a destra testimone ed a sinistra tesi ILSA.


Figura 2: vigoria vegetativa delle piante al 30 settembre; in alto testimone ed in basso Tesi ILSA.

Tesi ILSA Testimone
Produzione totale (kg/ha) 153,973 141,628
Produzione commercializzabile (kg/ha) 120,830 119,407
Brix (°) 4.24 4.09
Pagamento riconosciuto all’agricoltore (/kg) 0.0689 0.0668
Incremento PLV (€/ha) 349

0

Figura 3: dati relativi alla produzione finale, alla qualità ed al profitto delle tesi messe a confronto.

Figura 4: rappresentazione grafica dei dati biometrici rilevati nelle tesi messe a confronto.

I risultati si sono stati ottenuti grazie alla combinazione di tre biostimolanti specifici.

Il primo, IlsaPolicos, è un biostimolante 100% vegetale, ad applicazione radicale, ammesso in biologico, di nuova concezione ed è derivato dal processo di estrazione in CO2 supercritica di tessuti di Fabaceae. E’ stato formulato per favorire i processi di radicazione e di ottimizzazione delle prime fasi del ciclo colturale, soprattutto nella fase di post-trapianto di colture orticole (pomodoro da industria, cetriolo, anguria, ecc.). Tra le componenti organiche presenti, c’è il triacontanolo naturale, che agisce positivamente sui processi di moltiplicazione cellulare; inoltre la presenza di betaine, azoto organico, potassio favorisce la ripresa vegetativa delle plantule in condizioni di stress da post-trapianto e, di conseguenza, lo sviluppo di radici avventizie e peli assorbenti.

Il secondo biostimolante impiegato nella prova e’ IlsaVegetus, 100% vegetale, ad applicazione fogliare, ammesso in biologico, a base di idrolizzato enzimatico di Fabaceae. Il prodotto è ricco in molecole organiche ad azione specifica sulla pianta (amminoacidi levogiri, triacontanolo naturale, saponine, acido γ- e β- amminobutirrico, polisaccaridi, ecc.) che favoriscono la differenziazione delle gemme a fiore, l’allegagione dei frutticini e l’attivazione dei meccanismi di tolleranza della pianta a stress ambientali (elevate traspirazioni, siccità, sbalzi di temperatura, ecc.).

Per ultimo, IlsaKolorado, una specialità nutrizionale appositamente studiata per favorire i processi di maturazione di frutti ed ortaggi. La sua formulazione è frutto di un innovativo processo altamente tecnologico che, unificando gli elementi nutritivi minerali, ad elevata assimilabilità, a componenti organiche bioattive dotate di una forte azione stimolante, attribuisce al formulato nutrizionale notevole efficacia e rapidità d’azione.
Lo specifico rapporto potassio/betaine influenza la sintesi e la traslocazione degli zuccheri verso i frutti in maturazione; inoltre contribuisce a prevenire fisiopatie nutrizionali legate al potassio, che facilmente possono ostacolare la maturazione e ridurre la qualità dei frutti. La frazione organica particolarmente ricca in polisaccaridi ed estratti vegetali bioattivi svolge invece un’azione complessante e protettiva, promuovendo l’assorbimento e la veicolazione degli elementi nutritivi.
Si ottiene, quindi, un miglioramento dei processi legati alla maturazione e in particolare, alla resistenza della pianta/frutti alle avversità ambientali (sbalzi di temperatura, siccità, ecc.), che in fase di maturazione sono frequenti e possono ridurre la qualità finale.

Per vedere e scaricare tutti i dettagli relativi alla prova dimostrativa svolta dal servizio agronomico ILSA, registrati sul sito www.ilsagroup.com e accedi alla sezione coltura “pomodoro da industria”. Potrai così verificare come sono posizionate le specialità nutrizionali e biostimolanti, in funzione della fase fenologiche.