Redazionali

Buono a Sapersi!
Contro il logorio della vita moderna

05/08/2017

Diceva un vecchio spot della televisione. Pubblicizzava un amaro a base di foglie di carciofo, arricchito da un infuso di 13 erbe; un prodotto naturale ricco di profumi e capace di conservare inalterate tutte le proprietà salutari dei suoi ingredienti.

Il carciofo è un ortaggio di origine mediterranea, sconosciuto allo stato selvatico, che deriva da selezioni del cardo: il carciofo ed il cardo domestico derivano da quello selvatico, a seguito di un processo di selezione che ha favorito nel primo lo sviluppo dell'infiorescenza, nel secondo la nervatura mediana delle foglie. È una pianta nota fin dai tempi antichi, era già utilizzato come alimento dagli egiziani e da greci e romani. La coltivazione del carciofo è diffusa maggiormente in Italia, meno anche in Francia e Spagna ed è poco nota altrove. Il segreto delle sue virtù risiede nella cinarina, la sostanza aromatica che gli conferisce il caratteristico sapore amaro e molte delle sue proprietà benefiche e terapeutiche. Contiene lo 0,15 % di grassi, il 3,1 % di proteine, il 5,4 % di fibre, l’1 % di zuccheri, l’85 % di acqua % e l’1,1 % di ceneri. Oltre ad essere ricco di elementi minerali (potassio, calcio, sodio, fosforo, ferro, magnesio, zinco, rame, manganese e selenio) il carciofo contiene vitamina A, le vitamine B1, B2, B3, B5, B6, B12, vitamina C, vitamina E e K.

Tra tutte le verdure i carciofi hanno il più alto livello di antiossidanti. Secondo l’USDA (U.S. Department of Agriculture) su 1.000 diversi tipi di cibi vegetali i carciofi sono al 7° posto per contenuto di antiossidanti. Queste sostanze, come è risaputo, sono uno dei principali mezzi di difesa del sistema immunitario nei confronti dei radicali liberi, sostanze dannose per la salute che possono dare origine a malattie pericolose tra cui anche i tumori. Hanno pochissime calorie, sono molto gustosi ed hanno molte fibre, consigliati per risolvere problemi di colesterolo, diabete, ipertensione, sovrappeso e cellulite. Molto apprezzati per le caratteristiche toniche e disintossicanti, per la capacità di stimolare il fegato, calmare la tosse e contribuire alla purificazione del sangue, fortificare il cuore, dissolvere i calcoli. Queste sostanze sono in grado di provocare un aumento del flusso biliare e della diuresi e in particolare la cinarina, svolge un ruolo importante poiché riesce ad abbassare il livello del colesterolo.

Alcuni studi indicano nei polifenoli contenuti nei carciofi, molecole importanti che li rendono particolarmente salutari: le sostanze mantengono notoriamente intatte le loro caratteristiche anche in caso di cottura a vapore, oltre ad avere proprietà antiossidanti e sembra che siano in grado di proteggere, almeno parzialmente, dai tumori. Il carciofo appartiene alla categoria delle piante perenni ed erbacee e presenta un'origine tipicamente mediterranea: infatti, si tratta di una pianta che si sviluppa soprattutto in quelle zone e quei luoghi che si caratterizzano per delle temperature piuttosto elevate lungo tutto il corso dell'anno.

Una coltivazione può essere sfruttata fino ad un massimo di un decennio.Tra i principali pericoli ambientali che possono sorgere per la pianta di carciofo troviamo sicuramente gli sbalzi termici e le brinate, che possono creare danni anche consistenti alla pianta. Temperatura: in un clima mite e sufficientemente umido il carciofo ha un ciclo normale autunno-primaverile, mentre tende alla produzione primaverile-estiva nelle zone più fredde. Resiste abbastanza bene fino a temperature di 0°C. Temperature inferiori possono provocare danni più o meno gravi alle infiorescenze ed alle foglie; a temperature inferiori a -10°C possono essere compromesse anche le gemme del fusto rizomatoso. Il carciofo risente anche della temperatura molto elevata: il caldo estivo spesso segna il riposo vegetativo.

Tra le buone pratiche agricole per stimolare le piante a produrre ed a mantenersi attive anche nei momenti critici, ILSA ha una linea completa di nutrizione, sia di concimi solidi ad alta efficienza che di biostimolanti e nutrienti fogliari. In particolare, ILSASTIMSET e gli integratori fogliari ILSAMIN MMZ e ILSAMIN CALCIO.

ILSASTIMSET fornisce energia vegetativa e regolarizza le fioriture riequilibrando lo scambio osmotico e la permeabilità delle pareti cellulari. Inoltre riduce la sensibilità agli stress termici e salini.

ILSAMIN MMZ e ILSAMIN CALCIO curano e prevengono le carenze specifiche dei carciofi, favorendo la fotosintesi e stimolando il recupero vegetativo.

Per saperne di più visita il sito www.ilsagroup.com