Carciofo

Nome Botanico: Cynara Scolymus

Famiglia: Composite


Breve descrizione:

L'attuale nome volgare in molte lingue del mondo deriva dal neo-latino "articactus" (in alcuni dialetti settentrionali è chiamato articiocco); il nome italiano "carciofo" e lo spagnolo "alcachofa" derivano dall'arabo "harsciof".

Pianta erbacea dotata di rizoma sotterraneo, dalle cui gemme si sviluppano più fusti. Il fusto è robusto, cilindrico e carnoso, provvisto di una striatura longitudinale. Le foglie hanno forme molto differenti. I fiori si presentano in un capolino chiamato calatide di forma conica. Il frutto è un achenio di forma allungata.

Periodo di fioritura: Primavera.

Area di origine: Aree Mediterranee.


Accorgimenti e cure:

  • Esposizione e luminosità: esporre in una zona soleggiata.
  • Temperatura: il carciofo richiede un clima mite e sufficientemente umido, per cui il suo ciclo normale è autunno-primaverile nelle condizioni climatiche del bacino mediterraneo; tende alla produzione primaverile-estiva nelle zone più fredde. Resiste abbastanza bene fino a temperature di 0°C. Temperature inferiori possono provocare danni più o meno gravi alle infiorescenze ed alle foglie; a temperature inferiori a -10°C possono essere compromesse anche le gemme del fusto rizomatoso. Il carciofo risente anche della temperatura molto elevata, per cui la fase del riposo vegetativo capita tra la fine della primavera e l'estate.
  • Irrigazione: ha elevate esigenze idriche, in parte soddisfatte dalla piovosità dell'epoca di coltivazione; nella coltura precoce estiva è necessario intervenire con abbondanti apporti di acqua:

Avversità:

  • Piccoli consigli: il carciofo pur essendo una pianta rustica è soggetta ad alcune avversità. Tra le fitopatie l'atrofia del capolino per le varietà tardive (capolini di dimensioni ridottissime o con capolini normali con brattee non completamente sviluppate e con margine superiore imbrunito) originata da temperature superiori di 25 °C nella fase di transizione dell'apice riproduttivo, condizioni idriche, contenuto di sali solubili nel terreno ecc.
  • Il carciofo, dotato di ampia espansione fogliare e di fusti e gemme molto carnose, è soggetto ad attacchi di arvicola (topo campagnolo). Tra gli insetti due specie sono degne di particolare attenzione: la nottua del carciofo e la depressaria. Altri fitofagi ricorrenti sono gli afidi e la cassida. Tra le malattie crittogamiche il carciofo è sensibile ai marciumi del colletto, soprattutto nei terreni mal drenati.

Curiosità:

Medicina: il Carciofo ha un'azione epatoprotettiva e favorente la digestione. E' un rimedio adoperato da secoli per le sue proprietà di aumento della produzione di bile e di protezione del fegato.
Aumenta il peso del fegato perchè stimola la rigenerazione delle cellule del fegato stesso.


Concimazione:

Richiede apporti consistenti di tutti gli elementi della fertilità.

Concimazione: 

In pre-semina o pre-trapianto, intervenire al suolo con i concimi organici ed organo-minerali a base di AGROGEL®, gelatina idrolizzata per uso agricolo, ad alto contenuto di azoto e carbonio organici. L’azoto non è soggetto a perdite per lisciviazione e volatilizzazione, per cui questi concimi rispettano l’ambiente e riducono gli sprechi economici. La complessazione degli altri meso e microelementi alla matrice proteica consente una cessione progressiva e modulata, completamente naturale, che prolunga la disponibilità per le piante anche di fosforo, potassio, ferro, zolfo, calcio limitando i fenomeni di immobilizzazione nel suolo. Con i concimi a base di AGROGEL®, viene soddisfatto tutto il fabbisogno nutrizionale della coltura, aumenta la resa produttiva e la qualità del raccolto.


Per via fogliare ed in fertirrigazione, intervenire con i concimi a base di GELAMIN® e biostimolanti di origine vegetale dell programma VIRIDEM®. Matrici esclusive ottenute con processi esclusivi, l’idrolisi enzimatica e l’estrazione in CO2 Supercritica, che consentono di avere alti contenuti di azoto organico e di amminoacidi in forma prevalentemente levogira e di estrarre efficacemente le molecole ad azione biostimolante, come triacontanolo, vitamine, composti fenolici ed altre molecole bioattive. Gli amminoacidi, l’azoto e gli altri elementi assorbiti rapidamente, insieme ai composti ad azione biostimolante, favoriscono un’azione nutritiva, anti-stress e migliorano i parametri qualitativi della produzione finale, limitando anche l’accumulo di nitrati. La stabilità delle matrici, la bassa salinità e il pH consentono la miscibilità con altri prodotti, anche fitofarmaci, per cui l’applicazione può essere effettuata in occasione dei trattamenti antiparassitari.

 

Clicca sull'immagine per vedere quanti ettari sono coltivati in Italia

 

Ti Potrebbe interessare