Redazionali

Drupacee: Biostimolanti naturali per limitare gli stress ambientali, a partire dalle precoci

30/03/2017

E’ stato un 2016 molto difficile per le drupacee, con produttori di ciliegie, pesche, albicocche, susine e mandorle che hanno perso, in alcune zone del Sud Italia, fino al 50% del raccolto per le spaccature dei frutti dovute ai continui stress ambientali. In questa annata, è risultato ancora più evidente il contributo positivo portato dai biostimolanti Ilsa della linea Viridem®.

Applicati a partire dall’allegagione sulle varietà precoci, IlsaForma, IlsaNoBreak e IlsaKolorado hanno consentito il regolare aumento della pezzatura di ciliegie, albicocche e pesche, limitando i fenomeni di cracking e uniformando la maturazione e la colorazione dei frutti.

Proprio nell’areale barese, in cui l’incidenza del cracking su varietà precoci di ciliegio ha raggiunto appunto picchi del 50% del raccolto, l’impiego combinato di IlsaForma e IlsaNoBreak durante la fase di ingrossamento ha ridotto questa percentuale a circa il 20%. Ciò grazie all’azione di IlsaForma sul regolare sviluppo dei tessuti e quindi della buccia, in maniera del tutto naturale, senza forzature spesso conseguenti all’utilizzo di fitormoni di sintesi.

La combinazione con IlsaNoBreak, a base di amminoacidi essenziali e calcio, ha permesso di aumentare la consistenza della buccia e della polpa, riducendo quindi i fenomeni di spaccature e di marciumi. IlsaKolorado ha fatto il resto, in un’annata in cui la fioritura anomala ha dato seri problemi di maturazione, portando evidenti benefici in termini di contemporaneità di maturazione e, di conseguenza, di riduzione dei tempi e dei costi di raccolta.