Redazionali

Buono a Sapersi!
L'esperienza di ILSA per la nutrizione di peschi e albicocchi

16/06/2014

ILSA sa che le esigenze di azoto di pesco e albicocco variano a seconda della fase vegetativa. Se questo nutriente è fondamentale fino al periodo della fioritura, spesso bella abbondante in questi alberi, poi deve lasciare il primato ad altri elementi: potassio, calcio e microelementi, importanti per la qualità finale.
E’ grazie a loro che i frutti avranno quei profumi, sapori, serbevolezza della polpa, integrità del frutto che li rende piacevoli al palato. Per esempio il calcio è fondamentale per la consistenza della polpa, perché crea maggiore coesione tra le cellule del frutto, migliora la conservazione in post-raccolta inibendo l’enzima che causa la demolizione dei pectati e quindi il rammollimento dei tessuti.

Gli agricoltori sanno che eccessi di azoto in fase di maturazione possono allungare la fase vegetativa ed esporre la pianta a fisiopatie, come oidio, afidi, spaccatura dei frutti.
Bene quindi usare l’azoto di AGROGEL®, la gelatina idrolizzata di ILSA che degrada grazie all’azione della microflora del terreno, rendendo disponibile l’azoto nelle quantità e tempi necessari alle piante, senza problemi di dilavamento. In funzione dell’ambito applicativo, ILSA consiglia i suoi concimi solidi a base di AGROGEL® come FERTORGANICO, GRADUAL 25 Fe, PROGRESS MICRO e SUPERCOMPLESS.

Ma per pesche e albicocche davvero superbe, bisogna procedere anche con applicazioni fogliari per dare alle piante potassio, fosforo, calcio e zinco immediatamente nel momento in cui servono.
I prodotti a base di GELAMIN®, gelatina “fluida” di ILSA, grazie alla loro natura amminoacidica e la bassa salinità, garantiscono l’assoluta miscibilità con qualsiasi formulato commerciale. Così ILSAMIN BORO, ILSAMIN CALCIO, ILSAMIN MULTI e CLASS Fe G-FORM sono somministrabili anche in occasione dei normali trattamenti.

Nelle fasi di maggiore sviluppo vegetativo, infine, l’impiego di prodotti fogliari a spiccata attività biostimolante, favorisce il raggiungimento di un’elevata qualità commerciale, in termini di pezzatura e di caratteristiche organolettiche, oltre che una maggiore protezione dei frutti da spaccature e malattie.
ILSAC-ON, SILIFORCE, GLUCOS P e ILSAMIN N90, anche combinati tra loro, consentono di aumentare il valore della produzione finale e non comportano ulteriori aumenti di costi.
ILSAC-ON, in particolare, è il prodotto che sta destando sempre maggiore attenzione e sul quale si stanno concentrando le prove negli ultimi anni.
E’ ormai assodato che 5 applicazioni di ILSAC-ON, nelle fasi fenologiche di scamiciatura, frutto noce, frutto ingrossato, indurimento del nocciolo ed invaiatura, favoriscono un notevole incremento del peso dei frutti rispetto a piante di pesco non trattate.

Nella tabella seguente i risultati delle prove Ilsa realizzate con il contributo di aziende agricole.*

* disponibili su richiesta dati e testimonianze degli agricoltori coinvolti nei campi sperimentali