Porro

Nome Botanico: Allium Porrum

Famiglia: Liliaceae


Breve descrizione:

il porro è un ortaggio da foglia biennale. Presenta un apparato radicale fascicolato con molte radici che si possono spingere fino a circa 50 cm di profondità.

Periodo di fioritura: Aprile - Maggio.

Area di origine: Sud Europa.


Accorgimenti e cure:

  • Esposizione e luminosità: in pieno sole.
  • Temperatura: il porro si adatta bene sia ai climi temperato-caldi che temperato-freddi.
  • Irrigazione: irrigare frequentemente con piccoli volumi di acqua. Evitare i ristagni d’acqua.

Avversità:

Piccoli consigli: del porro si utilizza la parte inferiore del fusto, bianca e tenera, e bisogna acquistarlo e consumarlo fresco, altrimenti col tempo risulterà acre.


Curiosità:

Medicina: il porro è un ortaggio ricco di acqua (più del 90%), poco calorico e indicato nelle diete dimagranti; è ricco di vitamina di vitamina A, ha un buon contenuto di vitamina C e discrete quantità di vitamine del gruppo B, e fornisce all’organismo elementi minerali preziosi come il ferro, il magnesio (utile per i nervi), il sodio, lo zolfo, la silice (che favorisce l’elasticità delle ossa e della pelle), il manganese, il potassio (utile per regolare gli eccessi di grasso), il calcio (toccasana per le ossa) e l’acido fosforico (tonico per il sistema nervoso).
Al porro vanno riconosciute quindi proprietà toniche, nervine, diuretiche, lassative, antisettiche e lo si consiglia per curare dispepsie, anemie, reumatismi, artrite, gotta, affezioni urinarie, obesità, emorroidi, piaghe, punture di insetti, o ancora, se ne raccomanda l’impiego per migliorare o mantenere la freschezza della pelle del viso. E’ indicato nei casi di stipsi, obesità, anemia e artrite.
Il porro abbassa il colesterolo, rafforza il sistema immunitario e aiuta la prevenzione del cancro.


Concimazione:

In pre-semina o pre-trapianto, intervenire al suolo con i concimi organici ed organo-minerali a base di AGROGEL®, gelatina idrolizzata per uso agricolo, ad alto contenuto di azoto e carbonio organici. L’azoto non è soggetto a perdite per lisciviazione e volatilizzazione, per cui questi concimi rispettano l’ambiente e riducono gli sprechi economici. La complessazione degli altri meso e microelementi alla matrice proteica consente una cessione progressiva e modulata, completamente naturale, che prolunga la disponibilità per le piante anche di fosforo, potassio, ferro, zolfo, calcio limitando i fenomeni di immobilizzazione nel suolo. Con i concimi a base di AGROGEL®, viene soddisfatto tutto il fabbisogno nutrizionale della coltura, aumenta la resa produttiva e la qualità del raccolto.


Per via fogliare ed in fertirrigazione, intervenire con i concimi a base di GELAMIN® e biostimolanti di origine vegetale del programma VIRIDEM®. Matrici esclusive ottenute con processi esclusivi, l’idrolisi enzimatica e l’estrazione in CO2 Supercritica, che consentono di avere alti contenuti di azoto organico e di amminoacidi in forma prevalentemente levogira e di estrarre efficacemente le molecole ad azione biostimolante, come triacontanolo, vitamine, composti fenolici ed altre molecole bioattive. Gli amminoacidi, l’azoto e gli altri elementi assorbiti rapidamente, insieme ai composti ad azione biostimolante, favoriscono un’azione nutritiva, anti-stress e migliorano i parametri qualitativi della produzione finale. La stabilità delle matrici, la bassa salinità e il pH consentono la miscibilità con altri prodotti, anche fitofarmaci, per cui l’applicazione può essere effettuata in occasione dei trattamenti antiparassitari.

 

Clicca sull'immagine per vedere quanti ettari sono coltivati in Italia