Nocciolo

Nome botanico: Corylus Avellana

Famiglia: Betulaceae


Breve descrizione:

Arbusto che può raggiungere un altezza da 4 metri, fino a 7.

Periodo di fioritura: fiorisce nella stagione primaverile.

Area di origine: pianta originaria dell’Asia Minore.


Accorgimenti e cure:

  • Esposizione e luminosità: deve essere esposto in pieno sole.
  • Temperatura: sopporta bene sia le alte che le basse temperature.
  • Irrigazione: il ricorso all’irrigazione, specie nelle aree poco piovose o con precipitazioni mal distribuite, è indispensabile per ottenere produzioni soddisfacenti.

Avversità:

Piccoli consigli: le attuali tecniche colturali favoriscono la meccanizzazione e contribuiscono a contenere le principali fisiopatie, integrando le pratiche di difesa nel rispetto dell’ambiente: al posto del tradizionale cespuglio  si preferiscono le forme a monocaule.


Curiosità:

  • Storia: il nome corylus deriva dal greco kóris, elmo, per la forma dell'involucro membranoso che ricopre il frutto.
  • Ambiente: cresce nei boschi di tutta Europa.
  • Medicina: tutte le parti dell'albero contengono flavonoidi e tannini. Nella tradizione popolare è utilizzato in caso di malattie venose ed emorragie.
  • Cucina: utilizzate per il consumo diretto o destinate all'industria dolciaria, che ne prevede la sgusciatura, la tostatura e l'eliminazione della pellicola che ne ricopre il seme. Spesso è usato in prodotti dolciari a base di cioccolato, per la produzione dei torroni e del gelato. Il dolce più famoso con la nocciola è il gianduiotto, un cioccolatino torinese a base di nocciole. E un frutto molto nutriente. Sono molto buone le torte a base di nocciole.
 

Concimazione:

Alla ripresa vegetativa ed in post-raccolta, intervenire al suolo con i concimi organici ed organo-minerali a base di AGROGEL®, gelatina idrolizzata per uso agricolo, ad alto contenuto di azoto e carbonio organici. L’azoto non è soggetto a perdite per lisciviazione e volatilizzazione, per cui questi concimi rispettano l’ambiente e riducono gli sprechi economici. La complessazione degli altri meso e microelementi alla matrice proteica consente una cessione progressiva e modulata, completamente naturale, che prolunga la disponibilità per le piante anche di fosforo, potassio, ferro, zolfo, calcio limitando i fenomeni di immobilizzazione nel suolo. Con i concimi a base di AGROGEL®, viene soddisfatto tutto il fabbisogno nutrizionale della coltura, aumenta la resa produttiva e la qualità della frutta.


Per via fogliare ed in fertirrigazione, intervenire con i concimi a base di GELAMIN® e biostimolanti di origine vegetale del programma VIRIDEM®. Matrici esclusive ottenute con processi esclusivi, l’idrolisi enzimatica e l’estrazione in CO2 Supercritica, che consentono di avere alti contenuti di azoto organico e di amminoacidi in forma prevalentemente levogira e di estrarre efficacemente le molecole ad azione biostimolante, come triacontanolo, vitamine, composti fenolici ed altre molecole bioattive. Gli amminoacidi, l’azoto e gli altri elementi assorbiti rapidamente, insieme ai composti ad azione biostimolante, favoriscono un’azione nutritiva, anti-stress e migliorano i parametri qualitativi della frutta. La stabilità delle matrici, la bassa salinità e il pH consentono la miscibilità con altri prodotti, anche fitofarmaci, per cui l’applicazione può essere effettuata in occasione dei trattamenti antiparassitari.

 

Clicca sull'immagine per vedere quanti ettari sono coltivati in Italia

 

 

Ti Potrebbe interessare