Colture Floreali e Ornamentali

Una definizione che può accomunare tutte le specie di piante utilizzate come colture floreali è la seguente: le piante che, in virtù di un fogliame colorato e attraente o per la produzione di fiori e frutti appariscenti, possono essere utilizzate a fini ornamentali.

Non esiste un metodo univoco per la coltivazione di rose, crisantemi, orchidee ecc. in quanto a volte può essere necessario favorire, a volte smorzare lo sviluppo vegetativo.

Di sicuro è necessario garantire un’ottimale nutrizione, attraverso concimi a cessione graduale che limitino soprattutto le carenze nutrizionali.

Inoltre, può essere fondamentale l’uso di prodotti biostimolanti che stimolino un’eccellente fioritura e aumentino l’intensità del colore dei fiori e delle foglie. Applicazioni di concimi fogliari e biostimolanti a dosaggi di circa 100 grammi per 100 litri di acqua possono essere un valido complemento alla nutrizione garantita dal substrato e dall’irrigazione.


Concimazione:

In pre-impianto, intervenire al suolo con i concimi organici ed organo-minerali a base di AGROGEL®, gelatina idrolizzata per uso agricolo, ad alto contenuto di azoto e carbonio organici. L’azoto non è soggetto a perdite per lisciviazione e volatilizzazione, per cui questi concimi rispettano l’ambiente e riducono gli sprechi economici. La complessazione degli altri meso e microelementi alla matrice proteica consente una cessione progressiva e modulata, completamente naturale, che prolunga la disponibilità per le piante anche di fosforo, potassio, ferro, zolfo, limitando i fenomeni di immobilizzazione nel suolo.


Per via fogliare, intervenire con i concimi a base di GELAMIN® e biostimolanti di origine vegetale del programma VIRIDEM®. Matrici esclusive ottenute con processi esclusivi, l’idrolisi enzimatica e l’estrazione in CO2 Supercritica, che consentono di avere alti contenuti di azoto organico e di amminoacidi in forma prevalentemente levogira e di estrarre efficacemente le molecole ad azione biostimolante, come triacontanolo, vitamine, composti fenolici ed altre molecole bioattive. Gli amminoacidi, l’azoto e gli altri elementi assorbiti rapidamente, insieme ai composti ad azione biostimolante, favoriscono un’azione nutritiva e anti-stress. La stabilità delle matrici, la bassa salinità e il pH consentono la miscibilità con altri prodotti, anche fitofarmaci.

Ti Potrebbe interessare